Blog: http://Godai.ilcannocchiale.it

La legge del contrappasso...

Ciao, si sono proprio io, ancora io per la verità... Ultimamente non faccio altro che pensare a te, quando mi sveglio, quando lavoro, quando vado a dormire... l'altro giorno mi sono stupito perchè pensavo a te mentre lavavo i denti e di solito quando lavo i denti sono concentrato su quello che faccio e non sul pensiero di qualcuno... Sembra assurdo sai ma mi è venuta in mente quella volta che mi hai detto che tu i denti te li lavi tre volte al giorno, dopo ogni pasto e io ti presi in giro e ti dissi che a far così prima o poi ti sarebbero caduti, ricordo anche perfettamente dove eravamo, in macchina sotto la tua vecchia casa.
E' strano davvero quali cose ti rimangono impresse nella memoria, cose talmente stupide, talmente prive di significato o qualsivoglia valore...

Ora però fammi continuare o per megio dire INIZIARE con il mio ragionamento.

FATTO:
Io ti penso, ti penso e ti ripenso, sei il mio rimpianto più grande e non riesco a levarmi dalla testa il tuo viso e il tuo sorriso ne quella stramaledetta canzone di Dylan che mi ricorda solo e solamente te e che ogni volta che la ascolto mi fa contorcere lo stomaco e mi fa stare bene e male allo stesso tempo.

IPOTESI:
L'ipotesi è che io non posso averti e anzi probabilmente sicuramente c'è un'altra persona li a fianco a te.. Questo (il fatto che non posso più averti) mi fa stare male, mi toglie una sicurezza, mi toglie la capacità di razionalizzare, se ti avessi qui, per me a disposizione sicuramente probabilmente non ti vorrei più.

IPOTESI 2:
Credo di essere profondamente e irrimediabilmente innamorato di te... in fondo sei una delle uniche due persone a cui l'ho detto (nonchè l'ultima) "Ti amo" e quanto mi è piaciuto dirtelo te lo ricordi? Quella volta te l'ho ripetuto cinquanta volte dentro a quella macchina mentre ti baciavo...

IPOTESI 3:
Io ho bisogno di star male, ho bisogno di sentire che mi manca qualcosa o qualcuno, ho bisogno di soffrire perchè quando sto male riesco a sentire me stesso, riesco a scrivere cose decenti, riesco a sguazzare nell'autocommiserazione...

FATTO:
Sono un imbecille... e Dio quanto mi manchi e quanto avrei bisogno di te adesso ma a parte quella maledetta canzone non ho nient'altro di te. Sento che dentro di me c'è quella speranza a cui le persone si aggrappano nei momenti di crisi, quella che "So che non è possibile ma c'è" ma so davvero che non è possibile... Immagino che intorno a te c'è una schiera di persone che non vedrebbero granchè bene una mia qualsivoglia riapparizione nella tua vita e non capisco come diavolo fai ancora a sentirmi su msn e non trattarmi come il bastardo che sono stato con te... Ma immagino che questa sia la mia punizione, Dante e la sua fottutissima legge del contrappasso...


P.S. Se mai dovessi capitare qui, leggere queste parole di assoluta disperazione ti prego di non farti fregare, vorrei avere il coraggio di amarti e costruire qualcosa con te ma so (e sai) che probabilmente non ne sarei capace e tutto voglio tranne farti male ancora

If I can start again, a million miles away, I would keep myself, I would FIND A WAY

Pubblicato il 2/6/2010 alle 23.33 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web